metti un pesce con delle idee bislacche…

ecco, sei nella rete con lui

Archive for the ‘natura ribelle’ Category

L'Aquila, 3011

Posted by pedjolo su 4 aprile 2011

LA NOTTE TRA IL 5 E IL 6 APRILE

C'ERA CHI RIDEVA, NON SAPENDO
E APPENA SEPPE, SMISE DI FARLO

C'ERA CHI COMINCIAVA A RIDERE
DOPO AVER SAPUTO

LA NOTTE TRA IL 5 E IL 6 APRILE
DI NUOVO A L'AQUILA

www.3e32.com/main/?p=4821

Annunci

Posted in appuntamenti, link e collegamenti, manifestazioni, natura ribelle, protezione incivile, voltapagina | Leave a Comment »

Lettera da L'Aquila.

Posted by pedjolo su 30 giugno 2010

>Piove…e un po' di tristezza ci sta!!!!!!!
> Ieri mi ha telefonato l'impiegata di una società di recupero crediti, per contodi Sky.
> Mi dice che risulto morosa dal mese di settembre del 2009.
> Mi chiede come mai.
> Le dico che dal 4 aprile dello scorso anno ho lasciato la mia
> casa e non vi hopiù fatto ritorno. Causa terremoto. Il decoder SKY
> giace schiacciato sotto ilpeso di una parete crollata.

> Ammutolisce.

> Quindi si scusa e mi dice che farà presente quanto le ho detto a chi di dovere.
> Poi, premurosa, mi chiede se ora, dopo un anno, è tutto a posto.
> Mi dice di amare la mia città, ha avuto la fortuna di visitarla un paio di annifa.
> Ne è rimasta affascinata. Ricorda in particolare una scalinata in
> selci chescendeva dal Duomo verso la basilica di Collemaggio.

> E mi sale il groppo alla gola.
> Le dico che abitavo proprio lì.
> Lei ammutolisce di nuovo. Poi mi invita a raccontarle cosa è la mia città oggi.
> Ed io lo faccio.

> Le racconto del centro militarizzato.
> Le racconto che non posso andare a casa mia quando voglio. Le
> racconto che,però, i ladri ci vanno indisturbati.
> Le racconto dei palazzi lasciati lì a morire. Le racconto dei
> soldi che non cisono, per ricostruire.
> E che non ci sono neanche per aiutare noi a sopravvivere.
> Le racconto che, dal primo luglio, torneremo a pagare le tasse ed
> i contributi,anche se non lavoriamo. Le racconto chepagheremo l'ICA
> ed i mutui sulle case distrutte. E ripartiranno regolarmente
> ipagamenti dei prestiti.
> Anche per chi non ha più nulla. Che, a luglio, un terremotato con
> uno stipendiolordo di 2.000 euro vedrà in busta paga 734 euro di
> retribuzione netta.
> Che non solo torneremo a pagare le tasse, ma restituiremo subito
> tutte quellenon pagate dal 6 aprile.
> Che lo stato non versa ai cittadini senza casa,che si gestiscono
> da soli, benventisettemila, neanche quel piccolo contributo di 200
> euro mensili chedovrebbe aiutarli a pagare un affitto.
> Che i prezzi degli affitti sono triplicati. Senza nessun controllo.
> Che io pago ,in un paesino di cinquecento anime, quanto Bertolaso
> pagava per unappartamento in via Giulia, a Roma.

> La sento respirare pesantemente. Le parlo dei nuovi quartieri
> costruiti aprezzi di residenze di lusso.

> Le racconto la vita delle persone che abitano lì. Come in alveari
> senz'anima.Senza neanche un giornalaio. O un bar.
> Le racconto degli anziani che sono stati sradicati dalla loro
> terra. Lontanichilometri e chilometri.
> Le racconto dei professionisti che sono andati via. Delle
> iscrizioni allescuole superiori in netto calo. Le racconto di una
> città che muore.

> E lei mi risponde, con la voce che le trema.
> " Non è possibile che non si sappia niente di tutto questo.
> Non potete restare così. Chiamate i giornalisti televisivi.
> Dovete dirglielo. Chiamate la stampa. Devono scriverlo."

> Loro non scrivono voi fate girare

>Valentina

Posted in appelli, natura ribelle, protezione incivile, riflessioni, stop | 6 Comments »

6 aprile 2010. Un anno di scosse, senza scossoni.

Posted by pedjolo su 3 aprile 2010

6 aprile 2010, eventi in molte zone del capoluogo abruzzese. Alle 3.32 del mattino, un silenzioso corteo giungerà simbolicamente al Duomo, per illuminare e far battere il cuore della città. Una dignitosa e ferma richiesta di chiarezza e aiuto. Ci sarai?

Posted in appelli, appuntamenti, link e collegamenti, manifestazioni, natura ribelle, protezione incivile, video clip, voltapagina | 2 Comments »

Haiti, aiuti concreti.

Posted by pedjolo su 20 gennaio 2010


COMUNICATO STAMPA
L’ARCI E L’EMERGENZA HAITI

Anche nel mondo dell’Arci, come in tutta la società civile, cresce l’orrore per il dramma di Haiti e la voglia di mobilitarsi per aiutare la popolazione colpita.

Molti sono i progetti di solidarietà che si stanno utilmente avviando. L’Arci Toscana ha fatto una scelta che corrisponde alle proprie sensibilità e che ha al centro l’obiettivo di favorire un modello che sviluppi la reciproca cooperazione tra soggetti che operano nel Sud del mondo.

E’ abitudine dell’Arci collaborare con strutture che già operano in loco e hanno dimostrato di essere in grado di svolgere azioni efficaci. In questo caso si è deciso di appoggiare il lavoro del personale medico e paramedico cubano presente ad Haiti.

I medici e paramedici cubani sono presenti sull’isola dal 1998, giunti in quell’anno per l’emergenza causata dall’uragano George. Da allora si sono alternati più di 3000 operatori cubani per curare la popolazione civile. Attualmente il personale ad Haiti è composto da 403 unità, di cui 344 medici, che hanno riattivato un ospedale sinistrato e aperto un ospedale da campo, e tra breve ne apriranno un terzo. In queste strutture sono state già curate più di 1000 persone, anche con interventi di chirurgia.

L’Arci della Zona del Cuoio sostiene questa campagna dell’Arci Regionale e invita anche i Circoli e i soci a farlo.

Il conto corrente per effettuare donazioni tramite bonifico è:

Banca Popolare Etica
Conto intestato a Arci – Solidarietà internazionale
IBAN IT39 A050 1802 8000 0000 0557755
Causale: Emergenza Haiti

Il Presidente Arci Toscana
Vincenzo Striano

Il Presidente Arci Zona Cuoio
Sergio Coppola

Posted in appelli, natura ribelle, voltapagina | 1 Comment »

Messina, la nuova L'Aquila.

Posted by pedjolo su 8 ottobre 2009

Posted in censura, informazione pilotata, link e collegamenti, natura ribelle, riflessioni, stop | 2 Comments »

Aveva una casetta piccolina a L'Aquila.

Posted by pedjolo su 16 settembre 2009

Comincia una nuova annata lavorativa. Proviamo a ripartire.

In Abruzzo, sono state consegnate le prime decine di casette. Ad Onna.
Si tratta di strutture costruite e donate dalla Regione Trentino Alto Adige e dalla Croce Rossa. Quindi, già su questo si potrebbe discutere.

Il problema, credo, non sia tutta questa polemica politica; se veramente abbiamo a cuore la situazione degli Aquilani, non ha molto senso speculare su deficienze di governo o su lodi che il governo stesso si appiccica addosso pur non avendone alcun motivo. Nessun esponente istituzionale, nessuno, da destra a sinistra, ha parlato male della Bertolaso & CO, della Protezione civile, che tanto ha fatto e tanto ha sbagliato.

Mi prendo le responsabilità di quello che scrivo perché ho avuto modo di vedere, ho ascoltato, ho fotografato. La situazione in Abruzzo è difficile, e l’inumanità di certi gesti, la freddezza, il poco senso pratico, la rendono ancor più complessa, frustrante.

Ho visto i COM (i centri dove si dirigono i lavori, dove si smistano volontari e stipendiati, dove si organizzano gli smistamenti del materiale per le varie tendopoli), con l’aria condizionata a temperature esageratamente fresche, mentre signore di 90 e 102 anni cercavano, nell’ombra di piccoli container, un po’ di refrigerio.

Ho sentito di carichi di ghiaia che hanno ritardato di 30 giorni l’arrivo nelle tendopoli, rendendo tutto una fanghiglia appiccicosa in cui gli sfollati più anziani non potevano deambulare autonomamente.

Ho percepito e mi è stato raccontato di aggressioni, accoltellamenti, ghettizzazioni, all’interno del mediatico campo di Piazza D’Armi, sempre sotto i riflettori e sempre più problematico, coi Rom e gli Italiani divisi in due parti distinte del campo stesso, tanto per creare scompiglio.

Ho avuto difficoltà ad addormentarmi nelle notti in cui si svolgevano le "riunioni" dei comitati, vere e proprie arene in cui gli animi dei più, si accendevano per definire più la spartizione dei problemi che quella dei benefici e della ripresa.

www.youtube.com/watch?v=DovxyGONg0I&feature=related

www.youtube.com/watch?v=HX3p0kPmoKs&feature=related

Posted in informazione pilotata, natura ribelle, riflessioni, stop, tv | 3 Comments »

Ritorno… dall'Abruzzo.

Posted by pedjolo su 6 luglio 2009

100_4039

C
on la promessa-minaccia di tornare a scrivere con frequenza su questo piccolo spazio di web… rieccomi !

Un’ora fa, sono tornato da una massacrante full immersion abruzzese: Colle di Roio prima, e L’Aquila poi, sono state le tappe obbligate di questa breve ma intensa visita a quei luoghi e a quelle situazioni che mi sono rimaste nel cuore da 2 mesi a questa parte.

6 ore fa, si è conclusa una silenziosa e viva fiaccolata per le strade di L’Aquila.

Cinquemila persone, e quasi altrettante fiaccole, hanno fatto battere di nuovo, per una notte, il cuore della tragedia.

Alle 3.32, un surreale silenzio per le vie del centro, in Piazza Duomo. Le gru sullo sfondo a sorreggere le stanche opere architettoniche; i fuochi delle fiaccole accarezzati dal vento freddo di una località appoggiata su un monte di 800 metri. E uno striscione, sorretto dai familiari e dagli amici di quei morti ammazzati, quelli della Casa dello Studente.

Il motto della manifestazione-commemorazione è stato "VERITÀ E GIUSTIZIA".
Non serve dire altro.

Posted in natura ribelle, stop | 8 Comments »

Emergenza Abruzzo – per chi volesse partire volontario

Posted by pedjolo su 7 aprile 2009

FATE GIRARE FATE GIRARE FATE GIRARE FATE GIRARE

Cari amici,
avete ed abbiamo fatto girare centinaia di catene stupide!
Vediamo se questo istinto delirante di inoltrare mail su mail può portare a qualcosa di buono! Diamo una mano all’Abruzzo, ANDIAMO!

Da: Direttore Legambiente Toscana
Oggetto: Emergenza Abruzzo – per chi volesse partire volontario
A: "Direttore Legambiente Toscana"
Data: Lunedì 6 Aprile 2009, 12:27

Emergenza Abruzzo

A causa del terremoto in Abruzzo, l’Ufficio Protezione Civile di Legambiente sta raccogliendo le adesioni per coloro che intendono mettersi a disposizione per dare una mano.
Non sono richiesti particolari requisiti. L’unico onere necessario è l’adesione a Legambiente, che permette di partire con un’associazione iscritta ai registri della Protezione Civile.
La disponibilità deve essere per almeno una settimana e si partirà non prima del 13 aprile.
I volontari riceveranno il vitto, l’alloggio in tende, l’assicurazione e usufruiranno di tutti i benefici di legge.
Chi volesse dare la propria disponibilità a partire potrà chiamare l’ufficio Volontariato di Legambiente dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18
al numero 06.86268323 – E-mail volontariatoATlegambienteDOTeu (scritta così per evitare lo SPAM; cliccate l’indirizzo per ottenerla "corretta").

 

****************************************************************************

Fausto Ferruzza

DIRETTORE LEGAMBIENTE TOSCANA

Via Giampaolo Orsini, 44 – 50126 Firenze

Tel. 055.6810330 – Fax: 055.6811620

E-mail:  direttore @ legambientetoscana.it  (scritta con gli spazi per evitare lo SPAM; l’indirizzo corretto è attaccato).

Posted in appelli, natura ribelle, stop | 8 Comments »

Grandi opere.

Posted by pedjolo su 6 aprile 2009

abruzzomapUna città intera e tanti altri piccoli paesi limitrofi sono in ginocchio, letteralmente crollati; un paese angosciato china il capo e spera che quella cifra si fermi a 27.
Il primo pensiero va alla povera gente, ai 5 bambini che -al momento- hanno perso la vita. Ingiustamente, e del resto non potrebbe essere altrimenti.
Fanculo, alle "grandi opere".
Fanculo ai ponti, agli Expo, alle cementificazioni forzate, alla merda che invade le grandi città.
Fanculo al menefreghismo e alla mancata messa in sicurezza di interi complessi abitativi.
Fanculo anche al complicare la propria esistenza, tipico del genere umano: le guerre, gli odi di partito, l’indifferenza, nemmeno dovrebbero esistere. Sono già notevoli le prove e le difficoltà che la natura ci pone davanti, che crearne di nuove con le proprie mani è pura follia!
C’era bisogno di Assisi, c’era bisogno di San Giuliano, c’era bisogno di L’Aquila, tanto per citare le più recenti dimostrazioni muscolari della natura. Ce n’era bisogno per capire, un po’ per volta, che l’Italia ha zone ad alta, altissima sismicità e, soprattutto, che la maggior parte degli edifici e delle infrastrutture non sono in grado di resistere a sollecitazioni di medio-alta entità.
Intanto i morti sono morti, e i sopravvissuti piangono, devastati e rabbiosi.

Posted in natura ribelle, stop | Leave a Comment »