metti un pesce con delle idee bislacche…

ecco, sei nella rete con lui

La relatività del male – parte 1

Posted by pedjolo su 4 ottobre 2012

Quella notte, i chilometri erano lunghissimi; sembrava che in ogni frammento di strada, il più piccolo che occhio umano potesse distinguere, ci fossero bivi e dubbi, impregnati di paura. Tutto era complicato, tutto era una prova. Stava incalzando qualcosa, qualcosa. E intanto, l’inutilità e l’insensatezza di un gesto, soffocavano l’intorno, appesantendolo e preparandolo all’implosione.

Stava incalzando qualcosa. Le scarpe andavano allacciate, era così macchinoso farlo. Erano rosse e quasi nuove. Avrebbero rappresentato, a breve, una delle tante immagini indelebili e angoscianti di quella notte. Passarono due ore. Cristo! Due ore per allacciarsi due scarpe; la luce era stanca sopra la testa e l’orologio segnava un certo punto della notte profonda. Fu un attimo a far cambiare tutto, chissà perché. La decisione fu presa.

Qualcosa di potente e in rapida espansione stava incalzando. Le scarpe, l’asfalto, le luci che lottavano con il buio per non farsi definitivamente inghiottire. Ore e ore di attesa di disobbedienza silenziosa nei confronti di quell’oscurità, finché il giorno non avesse fatto tirare  loro il fiato prima dell’imbrunire successivo. La stanchezza era come il buio, veniva tenacemente fronteggiata e tenuta lontana. Quanta piccolezza di fronte ad avversari così enormi.

Ma stava incalzando qualcosa, qualcosa di preoccupante e simili perplessità non potevano essere nemmeno concepite. C’era da capire cosa fosse quel qualcosa, quale fosse la natura di quell’incalzante ondata emozionale, quale forma avrebbe assunto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: