metti un pesce con delle idee bislacche…

ecco, sei nella rete con lui

Un certo numero di morti.

Posted by pedjolo su 10 agosto 2011

http://notizie.tiscali.it/articoli/economia/11/08/09/libia-civili-nato-nega-morte.html

E dunque? Di cosa vogliamo stupirci? Esportiamo democrazia, ci può scappare il morto.
 

Mi viene da ridere se penso a quella sensazione di imbarazzo quando penso o dico "La guerra è inventata dall'uomo. Quindi si può eliminare". Appaio a me stesso così banale, qualunquista, terzomondista, antiquato.

E mi sento un goffo signor nessuno, di fronte a chi, con un sorriso tra il beffardo e il bonario, mi scuote il capo davanti e mi dice "Il nostro paese… l'esercito… la strategia… la libertà… l'onore".

L'onorabilità di squartare la gente, di avere SCIENTEMENTE elaborato, nei decenni, un'idea: quella che la guerra non debba produrre morti, ma vegetali, cadaveri viventi, vivi apparenti.

Gambe spezzate dalle mine, occhi accecati dalle schegge, uteri violati e testicoli frantumati. Non si salva nessuna parte del corpo. Neppure l'anima, denigrata, umiliata, in perenne pena fino al momento della morte.
 

Quando qualcuno si riempie la bocca di queste puttanate, impegnatevi a smontare le sue tesi.
Annunci

2 Risposte to “Un certo numero di morti.”

  1. ecology23 said

    Ciao Amico! Secondo me occorrerebbe abolire queste organizzazioni

  2. giovanotta said

    ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: