metti un pesce con delle idee bislacche…

ecco, sei nella rete con lui

Archive for agosto 2011

Libero Grassi, 20 anni fa.

Posted by pedjolo su 31 agosto 2011

Libero Grassi (link notizia)

Se penso a quanto poco basterebbe perché i giganti, come Grassi è stato (ed è tuttora!), non fossero lasciati soli.

Io sono il primo colpevole, perché non sono fisicamente presente lì, dove loro non indietreggiano e dove accadono alcune tra le più indicibili bassezze che il genere umano abbia mai concepito; non sono lì a far da scudo umano per evitare che la loro vita venga meno, magari insieme ad altre migliaia, milioni, di persone che si stringono a corazza intorno a questi cuori pulsanti drittezza morale.

La mafia è una cosa, la mafiosità dei comportamenti ne è la madre.

Ogni giorno dobbiamo combattere lei, la madre, evitare che si annidi in ciò che ci circonda e, ancora di più, dentro di noi.

Nella memoria di tutti i libero grassi, con la speranza di avere davvero il coraggio di difenderli, e non solo a parole o con nobili concetti.

Annunci

Posted in link e collegamenti, mafia, omertà, riflessioni, stop | 1 Comment »

Comunione e Liberazione.

Posted by pedjolo su 28 agosto 2011

"Saverio Tommasi alla scoperta di Comunione e Liberazione" di Saverio Tommasi

Consigliatissimo reportage di soli 9 minuti ad opera di Saverio Tommasi. Dal meeting 2011 di CL a Rimini. Fondamentalismi, logiche economiche e paradossi, tanti paradossi: dagli sponsor incompatibili con quanto portato evangelicamente avanti dal movimento (Intesa San Paolo, Eni, Novartis, Nestlé), fino allo strindente e imbarazzante controsenso di un vero e proprio istituto di credito interno alla chiesa cattolica.

Posted in città del vati-bigottismo, informazione pilotata, link e collegamenti, stop, video clip | Leave a Comment »

Un certo numero di morti.

Posted by pedjolo su 10 agosto 2011

http://notizie.tiscali.it/articoli/economia/11/08/09/libia-civili-nato-nega-morte.html

E dunque? Di cosa vogliamo stupirci? Esportiamo democrazia, ci può scappare il morto.
 

Mi viene da ridere se penso a quella sensazione di imbarazzo quando penso o dico "La guerra è inventata dall'uomo. Quindi si può eliminare". Appaio a me stesso così banale, qualunquista, terzomondista, antiquato.

E mi sento un goffo signor nessuno, di fronte a chi, con un sorriso tra il beffardo e il bonario, mi scuote il capo davanti e mi dice "Il nostro paese… l'esercito… la strategia… la libertà… l'onore".

L'onorabilità di squartare la gente, di avere SCIENTEMENTE elaborato, nei decenni, un'idea: quella che la guerra non debba produrre morti, ma vegetali, cadaveri viventi, vivi apparenti.

Gambe spezzate dalle mine, occhi accecati dalle schegge, uteri violati e testicoli frantumati. Non si salva nessuna parte del corpo. Neppure l'anima, denigrata, umiliata, in perenne pena fino al momento della morte.
 

Quando qualcuno si riempie la bocca di queste puttanate, impegnatevi a smontare le sue tesi.

Posted in guerra merda del mondo, link e collegamenti, onu, riflessioni, stop | 2 Comments »