metti un pesce con delle idee bislacche…

ecco, sei nella rete con lui

Chiedi un autografo all'assassino, chiedigli il poster e l'adesivo.

Posted by pedjolo su 8 ottobre 2010

Qualche tempo fa, m'imbattei in un'immagine che poi ho pubblicato sul mio scalcinato blog: è quella che si può vedere sulla colonna di destra. Una bimba tiene in mano un cartello con su stampato "Perché dobbiamo uccidere le persone che hanno ucciso altre persone, per far capire che uccidere persone è sbagliato?". Spesso, di fronte agli interrogativi più banali e formulati elementarmente, si resta spiazzati e si risponde facendo spallucce o accennando un "Eh sì, va be', ma che c'entra…?".

Un interrogativo così, bischero ma, al tempo stesso, di una portata enorme, vorrei porlo a chi invoca la pena di morte per l'omicida della ragazza pugliese uccisa e il cui corpo è stato ritrovato la scorsa notte.

 
Io non ho seguito questa vicenda e non mi reputo una persona cinica. Ho visto e sentito in casa mia, nella mia famiglia che stimo e reputo una buona famiglia, fondamentale per la mia crescita e formazione come persona e come cittadino, scene da giallo, da film thriller: frasi del tipo "ma quello zio è sincero", oppure "la cugina sembra svampita" o ancora "la mamma crede davvero l'abbiano rapita"…

A cosa è servito? Quale vicinanza, beneficio, ne hanno tratto i reali interessati? Questa ragazza, vittima diretta di una persona con problemi, -perché quando usi violenza hai, almeno in quel momento, problemi e mancanze- e vittima indiretta dell'idea che gli uomini possano sopraffare le donne avendo più forza fisica e testosterone, ha sentito l'empatia di qualche morboso telespettatore dei vari programmi che oggi trattano di gossip e domani si occupano di sparizioni e efferati omicidi?
 
Penso che programmi televisivi come Chi l'ha visto, abbiano un'indubbia utilità pubblica; in questi casi credo sia buona cosa trattare argomenti del genere, perché si cerca la collaborazione -attraverso il mezzo visivo- delle persone.
 
Il resto è grottesco. Come lo è stato con qualsiasi vicenda, da Cogne a Tommaso Onofri, Erba, Perugia, eccetera eccetera eccetera. Spettacolizziamo tutto e ci laviamo la coscienza pensando sia giusto così, credendo a fine giornata di aver fatto la buona azione quotidiana. E per quanto realmente dispiaciuti e addolorati, non ci rendiamo conto di avallare un modello che è quello tipico della tv via cavo, giunta in ogni stanza della nostra casa nonché in ogni momento della nostra vita.

Continua a venirmi in mente "Cattiva" di Samuele Bersani.

 

Annunci

6 Risposte to “Chiedi un autografo all'assassino, chiedigli il poster e l'adesivo.”

  1. paol84 said

    Pena di morte no, ma è logico che purtroppo x lui debba pagare. E' scioccante quello che ho sentito. E' veramente scioccante.

  2. anonimo said

    condivido ogni tuo pensiero.pensavo alla sensibilità da dinosauri dei "professionisti" dell'informazione, di coloro che, inviati sul luogo del dramma, travolgono ogni sofferenza usando "domande" che pugnalano, trafiggono, divelgono, scavano il dolore e infine abbandonano sulla strada del dovere di cronaca, che a questo punto potremmo paragonare ad un cingolato.Tiziano Terzani, che era un non violento convinto, li avrebbe presi a calci, così come i loro mandanti direttori di media cartaceo o meno.bello il riferimento  alla canzone di Bersani

  3. Soriana said

    Da Vermicino in poi è stata tutta un'escalation: il rispetto molti giornalisti non sanno cosa sia, e la Sciarelli (e a dir il vero non lo avrei mai pensato) l'altra sera ha raggiunto il culmine.Da Sciarelli a Sciacalli, direi.Per quanto riguarda la pena di morte mai e per alcuna ragione. La punizione adeguata sì. Anche chiedendosi, però, perchè un individuo arriva a commettere simili delitti, e cercando di fare in modo, attraverso l'educazione che le famiglie soprattutto dovrebbere impartire, che già da piccolissimi si cresca con il rispetto verso l'altro e verso se stessi.Milvia

  4. giovanotta said

    concordo!tralasciando la spettacolizzazione, che pure è pesante da mandar giù, mi chiedo quanti uomini sdegnati che chiedono pene esemplari ecc. si interroghino sui fatti che accadono quotidianamente di soprusi maschili verso donne e bambini, sull aprostituzione, sul turismo sessuale ecc.mi chiedo se a loro (e anche a tante donne) stia bene l'immagine della donna tutta sedere o tette in trasmissioni tv e sterotipi avvilenti nella pubblicità..mi chiedo se  a quanti si sono indignati stia bene un presidente del consiglio puttaniere e raccontatore di barzellette ai militari su onorevoli colleghe non avvenenti ecc. ecc.molto facile cavarsela con richiesta di pene sommarie che come dice la bambina sono un assoluto non sensoun saluto:)

  5. Paniko23 said

    mah personalmente non capisco perchè debba crescere tutto sto "moralismo" nel momento in cui stuprano una ragazza (l'ultimo caso è leggermente diverso) e lanciare appelli di pena capitale verso il colpevole, mentre le stesse persone magari si dichiarano in prima linea per la difesa di Sakineh Mohammadi Ashtiani.saluti

  6. Sono contrario alla pena di morte e in questo caso spero che quest'uomo venga curato in una struttura carceraria per il resto dei suoi giorni. Ho paura che per uno che abusa di una ragazza che ha appena ucciso siano ben poche le speranze di guarigione. Ciao. Pietro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: