metti un pesce con delle idee bislacche…

ecco, sei nella rete con lui

Archive for gennaio 2008

Amnesty, azioni urgenti.

Posted by pedjolo su 31 gennaio 2008

Azioni urgenti e appelli on-line

(Di seguito gli appelli di questo mese e i relativi link per firmare subito!)

AZIONI URGENTI:

AU 01/08

Repubblica popolare cinese: difensore dei diritti umani a rischio di tortura

http://www.amnesty.it/appelli/azioni_urgenti/Cina_Hu_Jia?page=azioni_urgenti

AU 02/08

Arabia Saudita: al-Qahtani a rischio di esecuzione imminente

http://www.amnesty.it/appelli/azioni_urgenti/02_08_Arabia?page=azioni_urgenti

AGGIORNAMENTO AU 299/07

Etiopia: 2 attivisti condannati per le loro attività pacifiche in difesa dei diritti umani

http://www.amnesty.it/appelli/azioni_urgenti/Etiopia_299?page=azioni_urgenti

AU 08/08

Iran: minorenne al momento del reato rischia l’esecuzione

http://www.amnesty.it/appelli/azioni_urgenti/Iran_08_08?page=azioni_urgenti

APPELLI:

Raccomandazioni di Amnesty International per la fine delle detenzioni illegali nella "guerra al terrore”

http://www.amnesty.it/appelli/appelli/Anniversario_Guantanamo_08?page=appelli

APPELLO NOTIZIARIO GENNAIO-MARZO

Federazione russa: il caso di Artur Akhmatkhanov

http://www.amnesty.it/appelli/appelli/Russia_not?page=appelli

Marocco: sei omosessuali arrestati e condannati

http://www.amnesty.it/appelli/appelli/Marocco_pink?page=appelli

Uganda – Doppio trauma: violenza di genere e accesso alla giustizia

http://www.amnesty.it/appelli/appelli/Uganda_donne?page=appellihttp://www.amnesty.it/appelli/appelli/Uganda_donne?page=appelli

IRAN: nove donne e due uomini attendono di essere uccisi a colpi di pietra

http://www.amnesty.it/appelli/appelli/Iran_Lapidazione?page=appellihttp://www.amnesty.it/appelli/appelli/Iran_Lapidazione?page=appelli

Annunci

Posted in amnesty, appelli, firme, link e collegamenti, stop, terroriadi di pechino | 2 Comments »

Un riso di speranza.

Posted by pedjolo su 30 gennaio 2008

Riprendo a scrivere.
Segnalo questo sito www.freerice.org che, apparentemente, può sembrare una bufala bella e buona. Da quel che ho capito informandomi, invece, è tutto vero quello che viene portato avanti dagli sviluppatori; viene visualizzata una parola in inglese e se ne deve trovare il sinonimo tra quattro scelte possibili. Ogni risposta esatta rimanda ad una pagina successiva, nella quale appare un banner pubblicitario. Grazie a questa pubblicità, ad ogni risposta azzeccata vengono donati 20 chicchi di riso al programma di alimentazione mondiale promosso dalle Nazioni Unite.
Attendibile? Penso di sì.
ONU intelligente? Beh, se il tutto è attendibile, sì.
Costa poco che ce vo’? Sì.

free rice

Schermata-FreeRice - Mozilla Firefox

Posted in fame, link e collegamenti, onu, voltapagina | 17 Comments »

Stanotte si dorme poco…

Posted by pedjolo su 25 gennaio 2008

In una vecchia struttura ristrutturata di Roma, qualcuno ha deciso per noi. Chi vince esulta, chi perde si rattrista. Ma per entrambi, non cambia nulla. Non cambia nulla.
La cosa che più mi fa incazzare di tutta questa situazione è pensare che io e voi, siamo gli unici che stiamo male. Mi viene da piangere pensando a ciò che questo paese è diventato e sta diventando sempre più. Non c’è più serietà, la chiesa ci devasta la vita, non c’è giustizia, le peggiori nefandezze sono fatte alla luce del sole, non c’è un lavoro onesto che possa definirsi tale, l’ambiente è sfruttato, ci si ammala a 40 anni di tumore perché non si sa cosa cazzo si metta sotto i denti, si spendono miliardi di euro per fare la guerra che passa per la testa degli USA… mi dite come si deve fare a pretendere di andare avanti con fiducia, quando a 23 anni le prospettive sono queste?
Non passa giorno che qualcuno non cerchi di rifilarti una fregatura, telefonica, commerciale, assicurativa; come può una persona pensare che questo paese abbia possibilità future? Io mi auguro che qualcuno ci riesca ancora perché personalmente ho dimenticato cosa significhi pensare positivamente. Non ci riesco più. me la sono fatta togliere questa capacità, opponendo tutta la resistenza di cui fossi capace.

Posted in politica, riflessioni, stop | 9 Comments »

Ventole al posto delle palle.

Posted by pedjolo su 22 gennaio 2008

www.petizioni.info/modules.php?name=News&file=article&sid=25

PAL(L)ENon sono mai stato troppo fine. Nè troppo volgare.
Diciamo una via di mezzo.
Come la società italiana.
Ho un pensiero per capello, vorrei sapere quello che vorrei. Ho un misto di rabbia, insoddisfazione, voglia di arrendermi che mi rende le giornate parecchio insoddisfacenti.
Mi hanno sempre detto che la speranza è l’ultima a morire. SIcché siamo già morti. E da un po’ facendo due conti. Ma forse non era la speranza ad essere l’ultima; o meglio, forse non lo è per tutti. Probabilmente, all’ultimissimo posto c’è l’utopia. Sarà così.
Bene, allora mi voglio cibare di pane (oddio, con quello che costa…) e utopia (sempre gratis) e sponsorizzare un altro utopista. Uno con le palle…ventole…quadrate!
Paniko23 s’è inventato questa petizione. Da far arrivare in qualche modo al signor Fioroni; quello che ha deciso qual è la merda che non può entrare in Medicina e qual è la crema che può andarci. Speriamo abbia scelto bene, magari la sanità italiana riparte!

www.petizioni.info/modules.php?name=News&file=article&sid=25

CLICCATE E FIRMATE!

Posted in appelli, firme, link e collegamenti, petizioni, politica, riflessioni, voltapagina | 2 Comments »

E Forza Vacche.

Posted by pedjolo su 19 gennaio 2008

VACCHE
Credo tutti riconoscano queste 4, persone.
Sono attrici che sanno cosa vuol dire sfondare, nel cinema e nella tv.
Si tratta di donne che l’hanno data, una lezione di recitazione a tutti noi.
Da un bel po’ sono sulla bocca di tutti, i loro nomi.

Purtroppo però, un inconveniente sicuramente politicizzato e atto a minare ancora una volta la credibilità dell’ex presidente del consiglio, ha messo in discussione la serietà di queste fanciulle. Speriamo che la verità venga a galla.

Intanto, guardando queste foto, devo ammettere che la terza da sinistra, quella in bianco e nero, ha in qualche modo stuzzicato la mia fantasia. No, non in quel senso: per la precisione è stato il sito da cui è tratta che mi ha fatto scattare un non so che. Allora ho voluto dare un consiglio spassionato al soggetto della foto in questione.

Da:  Francois Pesce
A:  eve.manna@libero.it
Oggetto:  piccolo consiglio.
Data:  Fri, 18 Jan 2008 20:20:45 +0100

Signora Manna,
ho visitato il suo sito e devo dire che l'ho trovato stilisticamente ben
fatto. Però, a livello contenutistico, credo manchi qualcosa: a mio
modesto parere, potrebbe essere inserito, all'interno della sezione
"Biografia" o come sezione aggiuntiva, il suo rapporto con Silvio
Berlusconi e, attraverso questi, con Agostino Saccà. Pensandoci bene,
anche a livello curriculare aiuterebbe non poco a trovare sempre nuove
raccomandazioni... ops...spazi, nel mondo dello spettacolo.

Spero possa trovare utile questo mio consiglio.

Francois Pesce,
uno che come milioni di persone e come lei ha studiato, che come milioni
di persone e come lei ha seguito delle passioni, che come milioni di
persone e come lei ha cercato di trovare una sistemazione che lo
soddisfacesse, che come milioni di persone e come lei ha avuto la
fortuna e la bravura di raggiungere questi obiettivi, che come milioni
di persone oneste non si fa raccomandare.

Posted in intercettazioni, politica, riflessioni, stop, tv | 13 Comments »

A CASAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!

Posted by pedjolo su 16 gennaio 2008

PorstellaOggi meno che mai guarderò un telegiornale o leggerò un quotidiano: non voglio vomitare. Già mi immagino le scuse, la solidarietà, le "toghe rosse (o nere, o bianche)", le dimissioni e i ringraziamenti.

In ogni caso, dentro godo, come un maiale!

Come mi ha scritto la mia buona Susie

A-E-I-O-U, Y pepepee
A-E-I-O-U
, Y pepepee
A-E-I-O-U, Y
pepepee

Posted in politica, riflessioni, voltapagina | 2 Comments »

Una serata con Danilo Dolci.

Posted by pedjolo su 15 gennaio 2008

DANILO DOLCI.
UNA RIVOLUZIONE NONVIOLENTA

a cura di Giuseppe Barone

Danilo Dolci Mercoledì 16 gennaio 2008 – ore 20.30,
Sede di Altreconomia , via Calatafimi, 10 Milano

Il 30 dicembre 1997 moriva Danilo Dolci. Triestino di nascita, negli anni 50 scelse la Sicilia per la sua lotta nonviolenta per il pane, il lavoro, la democrazia e contro ogni mafia.

A dieci anni dalla sua morte le sue idee sono ancora un punto di riferimento per molti: la volontà di realizzare una democrazia autentica e non solo formale, la valorizzazione degli individui alternativa alla massificazione, la proposta di un nuovo modo di educare basato sulla valorizzazione della creatività individuale e di gruppo, la pratica dell’azione nonviolenta come superamento di una storia fondata prevalentemente sull’aggressione e la distruzione, fanno di lui uno dei massimi esponenti, riconosciuti a livello mondiale, del pacifismo.

Il libro, "Danilo Dolci. Una rivoluzione nonviolenta", presenta una selezione degli scritti di Danilo Dolci e una biografia appassionata a firma di Giuseppe Barone, collaboratore di Danilo Dolci e vice-presidente dell’omonimo Centro.

Intervengono alla presentazione:
– Gherardo Colombo (magistrato)
– Giuseppe Barone, autore del libro
– Amico Dolci (figlio di Danilo Dolci)
– Renato Sarti (autore, insieme a Franco Però, dello spettacolo teatrale su Danilo Dolci intitolato “E’ vietato digiunare in spiaggia", www.teatrodellacooperativa.it)

Durante la serata, è prevista la proiezione del video “Danilo Dolci. Memoria e utopia” realizzato da Alberto Castiglione.

http://it.wikipedia.org/wiki/Danilo_Dolci

Posted in incontri, nonviolenza, voltapagina | 2 Comments »

Ubuntu.

Posted by pedjolo su 13 gennaio 2008

Troppi argomenti di cui parlare, tutti ugualmente importanti. Da Napoli, al Kenia, passando per Bali e dando un’occhiata all’era delle riforme del PD. E ci sarebbero, di riflesso, tanti punti di vista e tante manovre da prendere in considerazione per capire quale potrebbe aggiudicarsi il premio di GRAN CAZZATA DI INIZIO ANNO.

Sorvolerò.

Ubuntu
Voglio invece condividere (e invitare quanti fossero interessati a fare lo stesso), il mio passaggio a Linux, versione semplificata detta anche UBUNTU. Linux è l’alternativa (GRATUITA!) a Windows, alla Microsoft. E per alternativa non intendo solo informatica, ma anche etica. Oramai, il computer e internet devono essere alla portata di tutti, perché la conoscenza, quella libera, eLinux la comunicazione, passano per questo canale. Ecco perché è scandaloso che ancora oggi, si spendano miliardi di dollari ogni anno per poter utilizzare un PC. Perché devo pagare la licenza a un signore che si chiama Bill Gates? Va bene, ha detto che buona parte di quello che guadagna lo devolve in beneficenza. Non potrebbe direttamente abbassare il prezzo, fino a renderlo quasi irrisorio, dei suoi brevetti? Tante persone gliene sarebbero grate, e anche tanti paesi in via di sviluppo.

 
www.ubuntu-it.org

Posted in internet, link e collegamenti, voltapagina | 2 Comments »

Bagram, la nuova Guantanamo.

Posted by pedjolo su 9 gennaio 2008

Peacereporter bagram 02www.peacereporter.net//dettaglio_articolo.php?idc=&idart=9723

[…] la Croce Rossa Internazionale (Icrc), unica organizzazione ad avere un limitato acceso a Bagram, ha denunciato che nella ‘nuova Guantanamo’ i detenuti vengono trattati peggio che nella vecchia, sottoposti a “trattamenti crudeli contrari alle Convenzioni di Ginevra”.

[…] Habibullah e Dilawar, 28 e 22 anni: il primo morì il 4 dicembre 2002, appeso al soffitto della sua cella, per un’embolia polmonare dovuta ai grumi di sangue provocati dalle percosse ricevute; il secondo morì sei giorni dopo in seguito a un infarto, anch’esso attribuito alle percosse.

DOBBIAMO SAPERE.

DOBBIAMO INCAZZARCI.

DOBBIAMO MANDARE A FANCULO POLITICA E GUERRA, A COMINCIARE DAL LORO PUNTO DI INTERSEZIONE: IL SERVIZIO (E LA CARRIERA) MILITARE.

Posted in appelli, peacereporter, stop | 3 Comments »

Kenia.

Posted by pedjolo su 8 gennaio 2008

kibakiOdinga

Kibaki è al potere illegittimamente. Odinga risponde con l’incitamento alla violenza.
Ancora una volta, si parla di conflitto ETNICO; ma non è così. E’ una montatura, come tutte le guerre civili e internazionali dei nostri tempi e di quelli passati. Le ragioni legate ad appartenenza etnica non scatenano conflitti sanguinosi, a meno che non vengano alimentate dall’odio degli interessi politici e economici.
Iniziamo col firmare questa petizione.


http://gopetition.com/petitions/kibaki-must-step-down/sign.html

Posted in africa, appelli, firme, petizioni, stop | Leave a Comment »