metti un pesce con delle idee bislacche…

ecco, sei nella rete con lui

Linea rossa, fino in Birmania /2

Posted by pedjolo su 1 ottobre 2007


Amnesty International ha lanciato un appello per fermare la repressione in Birmania. Lo trovate qui, nella sezione Appelli Urgenti. Firmatelo, è importante insistere e continuare a far vivere l’indignazione e la protesta. Di seguito il testo dell’appello.

Cara amica, caro amico,


a Myanmar è in atto una violenta repressione delle manifestazioni
pacifiche, che si stanno svolgendo in tutto il paese da oltre un mese.
Il 25 settembre circa 300 persone sono state arrestate durante le proteste
e tre monaci sono stati uccisi: uno da un colpo d´arma da fuoco
e gli altri due a seguito di un pestaggio. Il giorno dopo vi sono state
altre vittime, e almeno un giornalista è rimasto ucciso.
Fonti non ufficiali hanno fatto sapere ad Amnesty International che oltre
50 monaci sono rimasti feriti.

Le ultime notizie ricevute da Amnesty International in queste ore non sono
incoraggianti. Numerosi raid da parte della polizia stanno avendo
luogo in queste ore nei monasteri buddisti di Yangon e in altre città del
paese, non si conosce ancora il numero preciso dei monaci arrestati
e delle persone rimaste ferite.

Per scongiurare il ripetersi del bagno di sangue del 1988, quando furono
uccise circa 3000 persone, Amnesty International ha lanciato un appello
alle autorità di Myanmar chiedendo loro di mettere fine alle repressioni
contro i dimostranti pacifici e garantire il rispetto del diritto di
manifestazione.

ANCHE TU PUOI FARE QUALCOSA DI IMPORTANTE!

FIRMA L’APPELLO ON-LINE A QUESTO INDIRIZZO:
http://www.amnesty.it/appelli/azioni_urgenti/Myanmar
E INVIA SUBITO QUESTA E-MAIL AI TUOI AMICI CHIEDENDO LORO DI FARE
ALTRETTANTO.

Far sentire la nostra voce in questo momento è fondamentale. Insieme, la
nostra voce può diventare più forte e salvare delle vite!

Amnesty International Sezione Italiana
http://www.amnesty.it

Annunci

6 Risposte to “Linea rossa, fino in Birmania /2”

  1. firmato stamani.
    un abbraccio, grandissimo!

  2. libero83 said

    siamo vicimi a questo popolo che sta sacrificando la loro vita per la libertà di tutti, ma non dimentichiamoci anche degli popoli colpito dai rispettivi regimi

  3. xsusiex said

    Potevi anche scrivere “una mia amica mi ha segnalato…”.

  4. Chissà comcazzo andrà a finire lì…. una certa idea me la immagino pure, aimè!
    😦

  5. Tutti i blog di splinder solidali con la protesta della popolazione e dei monaci birmani sono invitati a lasciare un commento in calce al post che ne tratta su Amicizia&Vangelo autolinkando i propri post sull’argomento.

  6. AminaAmina said

    Ti invito, se credi, a sottoscrivere e diffondere le petizioni pro causa Birmana ai seguenti indirizzi:
    Petizione AvaazPetizione AmnestyPetizione Free Burma
    Grazie. Un sorriso 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: