metti un pesce con delle idee bislacche…

ecco, sei nella rete con lui

Voglio andare a vivere in Ugandaaa

Posted by pedjolo su 21 febbraio 2007

TotoCutugnoMi sfrego le mani sul viso e sugli occhi, cercando le parole giuste da scrivere. Ma c’è poco da andare a filosofeggiare: questo paese fa schifo, e ogni giorno raggiunge nuovi livelli di bassezza. Storici. Fossimo tutti appestati, poveri in canna, senza casa, profughi…. sarebbe moralmente più facile da accettare. Invece no, c’è il paradiso (dei pochi) con i suoi parassiti, che ha motivo di esistere perché ha creato l’inferno, dei molti, dove risiedono i parassitati. Ecco, questa è l’Italia: il paese dell’informazione scadente, delle strisce pedonali non rispettate, degli affitti e delle tasse, dei poveri e dei manager, dei politici e del centrismo, dell’acqua e della privatizzazione, di unabomber e delle fabbriche di cluster bomb, di Prodi e di Berlusconi, dei fascisti e dei black block. Questo è proprio un gran paese di merda. E la merda, in un paese, ce la portano quelli che comandano e quelli che si fanno comandare.

Annunci

4 Risposte to “Voglio andare a vivere in Ugandaaa”

  1. triptour said

    quanto vorrei poter dire che non è vero, che l’Italia è un paese fantastico abitato da persone fantastiche, ma purtoppo non si può… Hai perfettamente ragione…che schifo!

  2. alebnn said

    Condivido al 100% le tue preoccupazioni ma al tempo stesso non mi rassegno…. Credo che l’unica via per cambiare il nostro paese sia un vero ricambio generazionale nella classe dirigente del centrosinistra. Serve dare spazio ai giovani che possano portare idee in linea con le aspettative di chi vota. Per questo dico si al partito democratico purché sia un mezzo nuovo per realizzare ciò che milioni di cittadini italiani si aspettano.
    Cerchiamo di aver un briciolo di pazienza… anche perché l’unica alternativa è Berlusconi e i suoi…

    Saluti

    Alessandro

  3. dearM said

    e noi ci sguazziamo e forse ci piace pure, sennò non c’è spiegazione

  4. MatteoTassinari said

    L’uomo per ogni momento

    Un aspetto della politica italiana che non capirò mai, è come Clemente Mastella riesca ad essere dappertutto (giornali, trasmissioni, programmi radiofonici) avendo un partito che ha gli stessi numeri di un prefisso telefonico. Non so, è come se nella macedonia mancassero le ciliegie. E chi se ne accorgerebbe?

    Clicca su http://www.ilsatirosaggio.com e scrivi ciò che pensi a tal riguardo, se ti va e hai tempo. Ciao e buona giornata da Matteo.

    Ciao Matteo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: